La “Legge Pinto” è la normativa volta a contrastare le eccessive lungaggini processuali, con l’obiettivo di garantire un equo indennizzo ai cittadini danneggiati dagli indebiti ritardi.

Lo studio assiste i clienti che intendono ottenere una equa riparazione per un processo che li ha coinvolti e si è protratto per una durata irragionevole.

Lo studio fornisce una prima consulenza, senza impegno, in merito alla proponibilità della azione in giudizio, si occupa della redazione del ricorso e della gestione della causa assistendo il cliente fino all’ottenimento della liquidazione dell’indennizzo.

Si ricorda che la legge ritiene ragionevoli

  • per il primo grado di giudizio tre anni
  • per il secondo grado due anni
  • per il grado di legittimità un anno.

Altri termini valgono per i procedimenti di esecuzione forzata (tre anni) e per le procedure concorsuali (sei anni).

Si considera comunque rispettato il termine ragionevole se il giudizio viene definito in modo irrevocabile in un tempo non superiore a sei anni.

Contatta lo studio